La professionalità

(dal dizionario italiano)

Professionalità – n.f. invar.

  • Capacità professionale, competenza; serietà e rigore nell’esercitare un’attività
  • Complesso di qualità che distinguono il professionista dal dilettante, quali la competenza, la costanza dell’impegno, la scrupolosità ecc.:

Provo ad addentrarmi in un terreno minato. Ritengo che la professionalità sia una caratteristica personale dell’individuo, come ad esempio la sua forza di volontà, il suo acume, la sua capacità di adattamento. Essa prescinde dalle mansioni: in altri termini è facoltà della persona applicarla o meno nello svolgimento della propria attività. Si distingue dalla “specializzazione”, ossia quell’insieme di mansioni predefinite che esigono un certo tasso, più o meno alto, di conoscenze tecniche.

La professionalità nel mio ambito attinge e trae vigore da tre aspetti personali: il “Sapere”, il “Saper Fare” e “l’Essere”.

Con il “Sapere” si indica quell’area di conoscenza propria dell’individuo, che specialmente in ambito informatico,  deve essere continuamente alimentata di competenze sempre più numerose e, in determinati casi, profonde (vedi il post precedente).

Il “Saper Fare” denota la capacità di applicare il sapere, di trasformare le proprie conoscenze in attività pratiche realizzando la parte tangibile del lavoro. Ma non solo: include anche la preparazione necessaria e la costante attenzione nel fare “bene”  le cose  ( ad esempio: complete, con la giusta sequenza, etc).

Ultimo ma non ultimo c’è l’ “Essere“, ossia l’atteggiamento che si pone nel proprio lavoro. Aspetti che alcuni tralasciano come la puntualità, la correttezza, l’adattamento a lavorare in team, la focalizzazione sull’obiettivo finale contribuiscono indubbiamente a distinguere la figura professionale.

Dunque queste caratteristiche aiutano a “declinare” la professionalità. E questo dovrebbe essere un esercizio svolto sia dal datore di lavoro, che in questo modo valuta il dipendente non solo per la “quantità” di lavoro svolto ma ne considera anche la “qualità“, sia dal Cliente presso il quale si opera che vedrebbe il suo investimento economico ben ripagato e sarebbe più confidente nel risultato finale da raggiungere.

1 Comment

Filed under Lavoro, Spunti di riflessione

One Response to La professionalità

  1. silvia

    Interessante….la domanda sorge spontanea e ce la siamo fatta tante volte insieme: ma quanta professionalità c’è intorno a noi???

Rispondi