Gli Amici (con la “A” maiuscola)

Mia nonna aveva appeso in cucina un quadretto che recitava: “Da soli non si starebbe bene neanche in Paradiso”. Per tanto tempo ho pensato che fosse un motto riferito alla famiglia, ma ultimamente mi è tornato in mente con una prospettiva diversa: anche gli Amici contribuiscono a combattere la solitudine.

In effetti, in alcuni momenti della vita, la presenza degli Amici potrebbe passare inosservata, accantonata da una parte perchè tanto sono sempre lì, sempre pronti a darti una mano, a ricevere le tue confidenze, ad aiutarti nel momento del bisogno. E’ un ruolo scomodo, ma gli Amici lo interpretano volentieri, senza cercare un personale rendiconto, un qualsiasi ritorno. Ti sono Amici e basta, perchè si è sviluppata una naturale empatia, un feeling condiviso che non ha bisogno di giustificazioni né di particolari motivazioni; è sbocciato così per caso e poi è cresciuto, alimentando un rapporto di fiducia che permette una reale con-divisione, un piccolo ma efficace riparo dalle intemperie che la vita riversa su ognuno di noi ma anche una piacevole compagnia con cui spendere i momenti lieti e sereni. Gli Amici ci sono sempre anche quando sono indaffarati, quando hanno i loro problemi e non avrebbero tanto tempo da dedicarti. Questo per me è un preziosissimo valore. Sono fortunato ad avere dei buoni Amici, che mi apprezzano per quello che sono e mi aiutano a migliorarmi ed a andare avanti. Talvolta sono troppo bravi e troppo avanti rispetto a me, ma non me lo fanno mai pesare. Mi aspettano e mi prendono per mano portandomi avanti: è questo quello che un giorno vorrei riuscire a fare anche io.

1 Comment

Filed under Amici, Spunti di riflessione

One Response to Gli Amici (con la “A” maiuscola)

  1. È vero quello che scrivi. A volte ti sembra che non ci sono e poi appaiono dietro per non farti cadere. Non ho mai saputo riconoscere un amico in una persona che dopo molto tempo in cui non ci si frequenta nel rivederti ti rimprovera che non ti sei fatto vivo. Mentre con chi non vedevo da anni, spesso lontani chilometri ed impegnati ad affrontare vite diverse, un incontro inizia con un abbraccio in silenzio e finisce con un semplice ciao e non servono molte parole.

Rispondi