Campioni d’Inverno

La Juventus è campione d’inverno 2012/2013. Questo è il verdetto della diciassettesima giornata, dopo un anticipo in cui la più vicina concorrente, l’Inter di Stramaccioni, si è fatta battere dalla Lazio di Petkovic, dopo un pomeriggio entusiasmante con una Juventus inarrestabile che in soli 30 minuti ha avuto ragione dell’Atalanta e dopo un posticipo in cui il Napoli, rimontando un mai domo Bologna, si vede sfilare la vittoria dalle mani rimanendo a zero punti grazie ad un gol spettacolare (certamente uno dei più belli della stagione) di Kone e una inzuccata di Portanova, al rientro dopo alcuni mesi di squalifica per le vicende del calcio-scommesse. La distanza quindi dalla seconda aumenta a +7 e poichè mancano due soli turni alla conclusione del girone d’andata, la matematica conferisce alla Juventus questo titolo virtuale.

La partita contro l’Atalanta è stata la dimostrazione di una squadra molto attenta e desiderosa di vincere. Pronti via e, finalmente, Vucinic segna un gol semplice al primo minuto di gioco, splendidamente servito da un assist di Giovinco. Poco dopo Buffon dimostra a tutti perché viene definito il portiere più forte del mondo, trovandosi a tu per tu con Denis lesto a recuperare un pallone dopo una scivolata a vuoto di Marrone. L’argentino lo prova a beffare ma lui con un guizzo tocca la palla ed impedisce il gol. Al quattordicesimo punizione dai trenta metri. Pirlo sistema la palla, tutto lo stadio trattiene il fiato. Parte il numero 21 e insacca con precisione chirurgica. La Juve non si accontenta e continua ad attaccare. Chiellini offre un ottimo assist a Marchisio che era libero sulla trequarti, due passi e tiro velenoso che si insacca alla sinistra del portiere Consigli. Al ventisettesimo del primo tempo la pratica Atalanta può essere archiviata. Nel secondo tempo la Juve non molla e cerca di segnare ancora, ma Giovinco, Quagliarella, Asamoah e Vidal non riescono in questo buon proposito. Alcune notazioni a margine: Pirlo ha i numeri, ieri ha effettuato 110 passaggi riusciti, molti dei quali pregevolissimi. La Juve non ha un top-player in attacco, ma ha già segnato 36 gol in diciassette partite, ossia più di due a partita di media. In difesa, finora, se la sono cavata benino: hanno preso 10 gol in diciassette partite, cinque in casa e cinque fuori casa. Mi sembrano tutti indicatori di un’ottimo trend.

Sembra proprio che il ritorno di Conte in panchina abbia, qualora ce ne fosse stato bisogno, dato un’ulteriore spinta alla squadra e alla sua fame di vittorie.

Juventus – Atalanta 3 – 0

Per i numeri e le statistiche della partita: http://www.tuttosport.com/live/matchcentre/incontro.shtml?competition=21&match=459654

Leave a Comment

Filed under Juventus

Rispondi