L’inesorabile lista delle cose da fare

Siamo sotto Natale, anche se non ce ne siamo accorti, e ci avviciniamo alla fine dell’anno. Puntuale, salta fuori la lista delle cose da fare. Alcune decisamente personali, altre per la famiglia.

Siccome la lista intonsa mi genera ansia da prestazione, inizio con una cosa che ho già fatto: l’aggiornamento del mio PC ad Ubuntu 12.10 64bit, che ha comportato l’installazione ex-novo con tanto di formattazione e cifratura del disco fisso (ordini supremi non ripudiabili). Ora non so come far rientrare tutto quello che avevo prima nello stesso spazio che però mi sembra più stretto. L’ho sempre sostenuto che i disordinati sono in realtà persone ordinate secondo un criterio proprio e non comune.

Ho già anche fatto i regali di Natale, scordandomi solo della carta da regalo, ma faccio ancora in tempo a recuperare. Sono sempre focalizzato sul contenuto e non sul contenitore.

Devo riparare il piano cottura: il fornello grande non si mantiene acceso e devo cambiare la termocoppia: inizio tra poco, so che alcuni bookmakers hanno aperto scommesse sul risultato (il nuovo piano cottura è dato a 1, la riparazione riuscita a 10).

Devo aiutare mia moglie nei preparativi per la cena della vigilia: un meraviglioso esercizio di auto-controllo.

Dovrei, anzi vorrei, chiamare i miei amici, uno per uno, e passare del tempo con loro anche solo al telefono: so già che purtroppo fallirò questo obiettivo, ma non voglio evitare di scriverlo sulla mia lista perchè voglio loro bene e tengo molto a queste relazioni. Con qualcuno riuscirò a scambiare veloci auguri al telefono. Con altri avrei il desiderio di scrivere lettere, magari ripiegherò su una email ma non precostruita, una email personale perché è giusto che sia così.

Devo diventare più bravo nel mio lavoro, per questo sto studiando e sto pensando come migliorare. E’ un processo lungo e mi sa tanto che questo punto sulla lista lo cancellerò quando andrò in pensione, ehm, volevo dire, fra qualche tempo (la pensione è un miraggio!).

Devo… devo fare tante altre cose, ed è meglio che inizi a fare qualcosa altrimenti esaurisco il mio spazio WEB con l’elenco e lascio vuota la mia vita reale senza fatti concreti.

Leave a Comment

Filed under Pensieri liberi, Spunti di riflessione

Rispondi