Se voglio io…

“Se pagate come dico io, lavoro come dite voi. Se pagate come dite voi, lavoro come dico io”

(Cartello affisso in un negozio di un artigiano)

Se voglio io, indosso la polo con la pubblicità della mia azienda. Mi sembra più opportuno fare pubblicità all’azienda che mi fa lavorare piuttosto che farla alla Nike o all’Adidas alle quali pago molti soldi e che mi sfruttano per portare in giro il loro marchio. Obiettivo=+ lavora lei, + lavoro io. Se qualcuno mi impone di indossare la polo con il marchio per fare pubblicità, allora la questione non mi piace.

Se voglio io, partecipo attivamente alle comunità che mi interessano. Ho sempre pensato e sostenuto che la vitalità delle comunità scaturisce e si alimenta dagli interessi condivisi dei partecipanti. Se qualcuno mi obbliga a partecipare ad una comunità perché è un comandamento irrinunciabile, allora la questione non mi piace.

Se voglio io, pubblico tweet e condivisioni che riguardano il mio lavoro. Mi sembra opportuno promuovere prodotti e valori in cui credo. Se qualcuno mi impone di usare i miei profili personali per condividere sui social quello che mi indica lui, allora la questione non mi piace.

Se voglio io, uso gli strumenti social come dico io. Se mi viene imposto, allora la questione non mi piace.

 

Leave a Comment

Filed under Pensieri liberi, Spunti di riflessione

Rispondi