Category Archives: Raspberry PI

Time-lapse con il Raspberry PI

Finalmente! Finalmente ho trovato il tempo per mettermi a studiare questo argomento: realizzare filmati time-lapse con il Raspberry PI.

Ci sono quasi, sto facendo delle prove indoor e poi conto di farne anche alcune outdoor appena arriva il pacco batterie che mi consentirà di alimentare il Raspberry PI anche senza una presa di corrente.
L’obiettivo è di realizzare filmati di questo genere:

Leave a Comment

by | 2014/04/28 · 07:58

Inizio ad usare GIT

Da tempo desideravo capire e fare pratica su un sistema di controllo delle versioni.

Per i programmatori questi tool sono di importanza fondamentale, per non perdere preziose ore di lavoro e per poter collaborare sullo stesso codice in modo pratico e costruttivo (e non distruttivo!).

Poiché sono un pigro, riesco raramente a fare/studiare qualcosa se non ne ho immediatamente una applicazione pratica (= se non mi serve subito). Ora ho la necessità di lavorare su un progetto legato ad un corso che seguirò a breve, e mi sono imposto di imparare ad usare almeno in maniera “basic” uno di questi tool.

La scelta è ricaduta su GIT. Non ho fatto una seria ed approfondita valutazione tecnica e confronto in dettaglio di tutte le caratteristiche offerte dai vari tool. Ho seguito l’istinto: è lo strumento utilizzato per gestire il kernel di Linux, lo sviluppo di Android… devo proseguire? (Se siete curiosi, date un’occhiata alla home page di Git al seguente link).

L’ho installato sul mio Raspberry PI come server centrale, anche se, a differenza di SVN, non è una operazione indispensabile. L’ho fatto per facilitarmi la vita e sincronizzare facilmente i PC che uso.

Ho quindi cercato qualche guida che mi aiutasse nei primi passi e ne ho trovate un paio in italiano che mi hanno avviato nell’utilizzo di GIT.

Comprendere GIT concettualmentehttp://www.linuxtrent.it/sites/default/files/Comprendere%20Git%20concettualmente.pdf

GIT – Corso intensivohttps://docs.google.com/document/edit?id=1kiLCEJqYmNTP0WIyHxKZBUefgVnf45L5fQyELX0XuBw&hl=it

Sono due documenti chiari e abbastanza semplici da seguire anche per un pigro come il sottoscritto.

Poi mi sono imbattuto in questo ottimo documento: Get-Git http://get-git.readthedocs.org/it/latest/index.html  che mi ha aiutato in breve tempo a padroneggiare meglio GIT e a comprenderne la logica di funzionamento.

Spero di scrivere ulteriori post su come avrò utilizzato GIT con successo!

Leave a Comment

Filed under Linux, Raspberry PI

Mappa e grafici aggiornati

Alla fine ce l’ho fatta.

Ho pubblicato all’indirizzo http://www.mariosebastiani.info/chi-sono/il-mio-blog/ la mappa ed i grafici aggiornati degli attacchi che il mio blog subisce dall’Aprile 2013.

 

 

Leave a Comment

Filed under Raspberry PI, Senza categoria, Spunti di riflessione

I miei (piccoli) Big Data

Ho preso spunto da un fatto che mi è accaduto personalmente per cercare di sperimentare un minimo di analisi e rappresentazione di una discreta quantità di dati.

Il fatto è il seguente: sin dai primi mesi dell’anno è in corso un attacco informatico di tipo brute-force a tutti i siti realizzati con WordPress per tentare di carpire la password di amministratore. Per limitare e contrastare questo tipo di attacco ho messo in atto una serie di contromisure, tra cui l’installazione di un plugin che rende difficile (se non impossibile) per un sistema automatico eseguire il tentativo di login con prospettive di successo. Questo plugin mi avvisa tramite email, oltre che scrivere il record in un log, per ogni tentativo fraudolento non andato a buon fine. Dal momento che l’ho attivato ho sottoposto la mia casella di posta ad un super-lavoro. Non immaginavo certo che un sito microscopico e sconosciuto come il mio fosse oggetto di tante “attenzioni”.

Ho iniziato quindi a pensare che potevo visualizzare su una mappa di Google i vari punti del mondo da dove partivano gli attacchi. Non sono un programmatore sopraffino, quindi ho iniziato a cercare qualcuno che avesse realizzato un qualcosa di simile per capire e studiare la realizzazione. Mi sono imbattuto nel progetto Rastrack (http://rastrack.co.uk/) e ho contattato l’autore che mi ha dato delle utili indicazioni su quali API di Google Maps utilizzare.
Per pigrizia non mi ero ancora messo all’opera quando l’altro giorno, tra un tweet ed un altro, mi sono imbattuto in un articolo di “Che Futuro” che trattava di strumenti utili per l’analisi e la visualizzazione dei dati. Colto da una irrefenabile curiosità, mi sono addentrato nei meandri e ho scoperto che esiste Fusion Table,  un add-on di Google Drive che faceva proprio al caso mio.

Caricando il file degli attacchi (in un successivo articolo spiegherò come l’ho realizzato sul mio Raspberry PI) ho ottenuto questo risultato:

Dopo questa prima “fatica”, mi sono accorto che potrebbe essere utile avere una sorta di “classifica” degli attacchi, classifica realizzabile secondo vari parametri. Ad esempio, una mia personale curiosità riguarda la collocazione geografica degli attacchi. Detto fatto, con lo strumento ho realizzato con un paio di click questo grafico.

Anche sapere quale è il giorno preferito per gli attacchi non è male….

Beh, niente di che ma più che sufficienti per la mia curiosità! Mi riprometto di industrializzare l’estrazione e la normalizzazione dei dati per poter offrire una mappa sempre aggiornata.

 

Leave a Comment

Filed under Raspberry PI, Spunti di riflessione

Verifica velocità ADSL dal Raspberry PI

Il sito  http://www.speedtest.net/ offre un comodo servizio per misurare via web la velocità della propria linea ADSL:  con un semplice click possiamo avere evidenza di quanto sia veloce (o meno) la nostra linea dati. Poichè sul RASPBMC non c’è un browser, vediamo come fare lo stesso test anche da riga di comando del nostro Raspberry.

Innanzitutto è necessario che sia installato il pacchetto python-lxml. Per assicurarcene procediamo, dopo aver acceduto Raspberry a riga di comando, con

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

e, una volta finito, con il comando

sudo apt-get install python-lxml

A questo punto dovremo scaricare il programma di Janis Jenson (vedi https://github.com/Janhouse) con il comando git

git clone --recursive git://github.com/Janhouse/tespeed.git

ed infine, per completare l’opera, dovremo linkare la versione di python che è installata sul raspberry con il nome simbolico python2. Questo si ottiene con il comando

sudo ln -s /usr/bin/python2.7 /usr/bin/python2

Siamo pronti a verificare la velocità della nostra ADSL.

Entriamo nella cartella tespeed con il comando

cd tespeed

ed eseguiamo il test

python tespeed.py

Non ci resta che attendere i risultati e valutarli. Suggerisco di effettuare più misurazioni e ripetere l’operazione in vari momenti della giornata.

PS: Anche Tony Stark in Iron Man 3 utilizza speedtest.net per verificare la velocità della linea …

Leave a Comment

Filed under Raspberry PI